Per la prima volta, attraverso immagini di risonanza magnetica, sono state portate alla luce alterazioni cerebrali compatibili con l’infezione del virus Sars-CoV-2, in una paziente con anosmia come unico sintomo della malattia. Lo studio è stato pubblicato su Jama Neurology ed è stato realizzato da Letterio S. Politi e Marco Grimaldi, rispettivamente direttore della Neuroradiologia diagnostica, interventistica e funzionale e responsabile del servizio di Neuroradiologia presso l’Irccs Istituto clinico Humanitas di Milano, in collaborazione con Ettore Salsano dell’Istituto neurologico Carlo Besta di Milano.

La vitamina D come fattore protettivo per Covid-19. Questa l’evidenza che sembra emergere da una ricerca condotta presso il Centro Parkinson e parkinsonismi dell’Asst Gaetano Pini-Cto di Milano con il contributo della Fondazione Grigioni per il morbo di Parkinson e pubblicata su Movement Disorder.

Nutricia, parte del gruppo Danone, ha annunciato nei giorni scorsi lo stanziamento di un milione di euro a sostegno della ricerca indipendente volta a definire linee guida sulla nutrizione dei pazienti Covid-19 dopo la dimissione dall’ospedale.

Più frutta, verdura e legumi, ma anche più dolci e alcol e voglia di sperimentare nuove ricette. Queste le abitudini alimentari degli italiani durante il lockdown secondo un’indagine condotta dall’Oersa (Osservatorio sulle eccedenze, sui recuperi e sugli sprechi alimentari) del Crea Alimenti e Nutrizione mediante un questionario volto a documentare e analizzare i mutamenti intercorsi nell’alimentazione quotidiana durante la quarantena.

Pagina 6 di 16
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…