Quali sono i principi attivi di origine vegetale che aumentano la capacità del c-Hdl di proteggere le arterie favorendo la rimozione del colesterolo proaterogeno? A questa domanda ha provato a dare risposta una review da poco pubblicata su Phytoherapy research che ha preso in esame le principali evidenze sulla capacità di diversi fitochimici, dai polifenoli, agli alcaloidi, ai carotenoidi, ai fitosteroli, agli acidi grassi, di promuovere l’efflusso di colesterolo dai macrofagi della parete arteriosa.

Una revisione approfondita di quanto la ricerca scientifica sa sui benefici dell’uva per la salute. Questo è Grapes and health (J.M. Pezzuto, Springer, 2016, 235 pp.), libro che inizia un capitolo dedicato ai componenti biochimici del frutto, per arrivare poi a trattarne i benefici cardiovascolari generali nonché gli effetti specifici collegati ad aterosclerosi e ipertensione.

L’aggiunta di dosi elevate di acido eicosapentaenoico (Epa) alle statine apporta un beneficio ulteriore in persone a rischio cardiovascolare.

Questi i risultati dello studio Reduce-It (Reduction of cardiovascular events with Epa-Intervention trial), presentati al recente congresso dell’American college of cardiology a New Orleans

Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…