Videointerviste

Sarà on line dal prossimo 15 Ottobre il 1° Simposio della Società italiana formulatori in nutraceutica (Sifnut), Un’edizione necessariamente virtuale considerata la situazione di emergenza, il cui programma è stato suddiviso in quattro sessioni, con 13 relatori e due lezioni magistrali.

Numerosi studi condotti su animali di laboratorio mostrano come specifici batteri si associano a maggiore o minore risposta di diversi tipi di tumore a trattamenti antitumorali come la chemioterapia e l’immunoterapia.

Le mandorle, nell’ambito della frutta a guscio, sono le più ricche di proteine, fibre, vitamina E, calcio, riboflavina e niacina, aspetto che le rende tra le più ricche di nutrienti.

l nostro sistema immunitario è strettamente legato al microbiota intestinale. Il 70-80% delle cellule immunitarie del nostro organismo, infatti, si trova proprio nell’intestino e, quindi, l’efficienza di questa attività dipende dalla varietà di alimenti e dalla qualità dei nutrienti che appunto introduciamo con il cibo.

La Società europea dell’ipertensione (Esh) ha da poco pubblicato un position paper sul Journal of Hypertension dedicato all’utilizzo di sostanze naturali nel controllo pressorio, nella fascia cosiddetta di pre-ipertensione, ovvero per valori di sistolica compresi tra 130 e 139 mmHg e diastolica tra 85 e 89 mmHg. Tre le categorie esaminate: alimenti, nutrienti e nutraceutici non-nutrienti. Tra i primi, il succo di barbabietola è quello che presente le evidenze di un effetto antipertensivo maggiormente convincenti. Buoni risultati anche per succo di melograno, carcadè e sesamo. Sul fronte nutrienti si segnalano magnesio, potassio e vitamina C mentre per quanto riguarda il terzo gruppo, risultati positivi per resveratrolo, frazione flavonoica del biancospino e coenzima Q10.

Tra le diverse indagini che sono state fatte per comprendere il meglio possibile il fenomeno della diffusione della pandemia di Covid-19, vi è stata anche la volontà di verificare se esistesse una relazione tra il modello di sviluppo del territorio rurale italiano e la distribuzione dei contagi. La ricerca è stata svolta dal laboratorio Cultlab della Scuola di Agraria dell'Università di Firenze, in collaborazione con la segreteria scientifica dell'Osservatorio Nazionale del Paesaggio Rurale.

Pagina 7 di 21
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…