Si intitola “Stile di vita, alimentazione e integrazione nell’epoca del Covid-19. Lo stato dell’arte”, la review che Andrea Poli, presidente di Nutrition Foundation of Italy, ha pubblicato di recente sul sito Integratori e Benessere di Integratori Italia, con l’obiettivo di dare un contributo al dibattito sul ruolo dell’integrazione mirata a supporto del sistema immunitario.

Per anni sottovalutato dalla scienza, il microbiota, con il suo genoma, è oggi considerato la chiave di volta della salute, un vero e proprio «organo in più» con un'influenza radicale sul nostro benessere e sul funzionamento del nostro sistema immunitario.  Stress, cattiva alimentazione e stile di vita lo modificano, influendo negativamente sulle nostre difese e causando disturbi di varia natura.

Prebiotici, probiotici, microbioma: quale futuro? Se ne discuterà nelle tre giornate di lavoro virtuale di Probiota 2021, in programma dal 9 all’11 febbraio prossimi.

Il microbiota intestinale gioca un ruolo chiave per salute dell’uomo. Dieta e stile di vita hanno un impatto diretto sulla sua composizione e gruppi microbici specifici sono oggi noti per contribuire allo stato di salute o di malattia dell’organismo. Ecco così che due accademici dell’Università del Maryland, Debabrata Biswas e Shaik O. Rahaman, hanno deciso di raccogliere in un volume di 300 pagine (Gut microbiome and its impact on health and diseases; Springer International Publishing) quanto oggi noto sul rapporto tra microbiota intestinale e nutrizione da una parte e, dall’altra, sul suo coinvolgimento nei processi metabolici, con un occhio anche al mondo animale da allevamento, per sondare la possibilità di modulare la nostra flora microbica intestinale con prodotti animali migliori nel contrastare obesità, cancro e cardiopatie.

 

Pagina 1 di 3
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…