Secondo il National cancer institute (Nci), la medicina integrativa combinata alle terapie standard validate ha dimostrato di essere un approccio sicuro ed efficace in ambito oncologico. Una serie di casi clinici, recentemente pubblicata su Frontiers in pharmacology, ha valutato un approccio integrativo e multidisciplinare in pazienti con mesotelioma pleurico maligno, mesotelioma peritoneale maligno diffuso, colangiocarcinoma intraepatico e carcinoma mammario che hanno ricevuto un trattamento di supporto integrativo dopo il fallimento dei trattamenti standard o la comparsa di gravi eventi avversi causati dalla chemioterapia antiblastica.

Francesco Schittulli, senologo-chirurgo oncologo e presidente nazionale della Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, è intervenuto alla Ocean Conference 2022, promossa dalle Nazioni unite (Lisbona 27 giugno-1 luglio 2022) per parlare delle prospettive di cancerogenesi provocate dalle microplastiche presenti nei mari del nostro pianeta.

Vitamina D efficace nella prevenzione cardiovascolare soltanto in soggetti con carenza. Questo il dato che sembra emergere da due studi comparsi di recente sull’American journal of clinical nutrition e sull’European heart journal.

È sempre più frequente l’impiego di integratori in persone guarite dal cancro o in corso di malattia, nella convinzione che possa rappresentare un utile freno alla comparsa di recidive. Una fotografia del fenomeno arriva dal Regno Unito, grazie a una ricerca pubblicata su Cancer, organo ufficiale dell’American cancer society, che ha visto la collaborazione tra l’University college London e il Leeds institute of health science.

Pagina 1 di 9
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…