La patologia tendinea, causa di problemi muscoloscheletrici e dolore, è molto comune e ha diverse cause sottostanti, che vanno dalla rottura del tendine, all'uso eccessivo per sovraccarico sportivo, a uno stile di vita troppo sedentario.

Si ricorderà come, più o meno quattro anni fa, in Italia scattò l’allarme sicurezza per alcune segnalazioni di tossicità epatica legate al consumo di prodotti contenenti in particolare curcumina e piperina. Proprio questa combinazione, nata per aumentare la biodisponibilità del derivato della curcuma, è divenuta di nuovo oggetto di riflessione da parte dell’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR) che si è pronunciato sulle potenziali cause di eventuali eventi avversi legati a sovradosaggio di curcumina.

Curcumina per rallentare la progressione dell’insufficienza renale cronica (Irc) con un’azione, tra l’altro, diretta anche sul microbiota intestinale. Un’area di studio che comincia a dare evidenze sperimentali, come confermato da un recente studio clinico italiano pubblicato su Nutrients. Ne abbiamo parlato con Laura Soldati, docente di Scienze dietetiche applicate all’Università di Milano e coordinatrice della ricerca.

L’impiego di curcumina in pazienti Covid-19, associato alle terapie convenzionali, potrebbe portare a una diminuzione significativa dei sintomi, della durata del ricovero e della mortalità. In aggiunta, l’intervento sembra in grado di aumentare i livelli di citochine antinfiammatorie quali Il-10, Il-35 e Tgf-α e ridurre quelli di Il-6 e Il-1 beta, ad azione pro-infiammatoria. Sono i risultati di una revisione sistematica dei più recenti studi clinici presenti in letteratura sull’impiego di curcumina in pazienti Covid-19, pubblicata nei giorni scorsi su Nutrients.

Pagina 1 di 6
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…