Sono la moda del momento, con un mercato in crescita continua. Intorno ai cosiddetti superfood continua ad aleggiare un mito di salute e benessere legato all’alto contenuto di vitamine, minerali e fibre che ne disegna il quadro di un prodotto benefico e scevro da rischi. A indagare il percepito del consumatore ci ha pensato l’Istituto per la valutazione del rischio tedesco, il BfR che ha da poco reso noti i risultati di un’indagine condotta la scorsa estate tra 1.000 cittadini tedeschi, nata proprio con l’obiettivo di sondare la percezione che in Germania le persone comuni hanno di tutto ciò che ruota intorno al termine superfood.

Negli ultimi anni, vuoi per passaparola tra i consumatori vuoi per effetto dei mezzi di comunicazione, l’uso dei semi di lino nell’alimentazione quotidiana è in forte crescita. Si tratta di un seme ampiamente conosciuto che ha recentemente guadagnato attenzione nel trattamento delle patologie cardiovascolari: è una buona fonte alimentare di acido α-linolenico, composti fenolici, fitoestrogeni e lignani e contiene proteine ​​di alta qualità e fibre solubili che possono modificare le concentrazioni sieriche di lipidi.

Alcuni alimenti, grazie alla presenza di composti bioattivi, possono essere efficaci nella prevenzione della sindrome metabolica e, successivamente nell'insorgenza delle malattie cardiovascolari e del diabete mellito di tipo II

Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…