Vuoi per complicanze legate alla malattia o per restrizioni nutrizionali concomitanti, i pazienti con nefropatia cronica (Mrc) sono maggiormente predisposti allo sviluppo di patologie del cavo orale. Una recente review, pubblicata su Nutrients e coordinata da Annalisa Noce, associato di Nefrologia all’Università di Roma Tor Vergata, ha fatto il punto su possibili interventi correttivi con composti naturali bioattivi, come polifenoli e carotenoidi.

Una dieta ricca di polifenoli aiuta a combattere l’infiammazione nelle persone anziane, grazie a un’azione sul microbiota intestinale, indotto così a produrre propionato (Ipa), un acido grasso a corta catena derivato dal metabolismo del triptofano a opera dei batteri intestinali.

Un concentrato di polifenoli ottenuto dalle acque di vegetazione della produzione dell’olio extravergine di oliva (Evo) come integrazione terapeutica nella sindrome dell’intestino irritabile (Ibs). Un’opportunità cui da tempo sta lavorando un gruppo di ricercatori italiani che da poco hanno pubblicato su Nutrients nuovi dati relativi ai loro studi. Ne abbiamo parlato con Roberta Budriesi, docente di Chimica degli alimenti e Nutraceutica all’Università Alma Mater di Bologna.

La supplementazione con Urolitina-A, un metabolita prodotto dal microbiota intestinale, è in grado di migliorare la salute dei muscoli e le prestazioni energetiche dei mitocondri, contribuendo a contrastare i rischi di sarcopenia negli anziani. Sono i risultati di uno studio pilota condotto su un campione di 66 soggetti di età compresa tra i 65 e i 90 anni, pubblicato di recente su Jama network open.

Pagina 1 di 8
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…