L’obesità tra i principali pericoli per l’aggravamento del quadro clinico da Covid-19. Crescono ormai le evidenze mano a mano che vengono pubblicati i dati delle casistiche internazionali, con un’indicazione che sembra rendere il Bmi (Body mass index) il secondo fattore di rischio dopo l’età avanzata.

Lo stato nutrizionale dei pazienti ricoverati per Covid-19 può rivelarsi un fattore prognostico per il peggioramento del quadro clinico e la necessità eventuale di ventilazione assistita. Un’esperienza interessante sui protocolli da adottare al momento dell’arrivo in corsia giunge dal Policlinico San Matteo di Pavia, una delle strutture maggiormente coinvolte dall’emergenza sin dai primi casi emersi a fine dello scorso febbraio.

In collaborazione con Yakult Italia 

Sarà disponibile on line sino al prossimo 31 dicembre il corso Fad "Intestino e COVID-19: aggiornamenti nella pratica clinica e nella ricerca", originato dal webinar tenutosi lo scorso 20 aprile.

Mai come in questo momento c’è bisogno di informazioni basate su evidenze scientifiche in merito al ruolo che gli integratori alimentari possono giocare a supporto del nostro sistema immunitario. La dieta rimane presidio assoluto per il rifornimento di nutrienti essenziali, ma le attuali condizioni di restrizione piuttosto che le situazioni di fragilità in particolari fasce della popolazione possono richiedere un aiuto in più e, pertanto, è bene affidarsi alla scienza per avere indicazioni affidabili. L’appello arriva dal Council for responsible nutrition Uk (Crn Uk), l’associazione di categoria che rappresenta le aziende inglesi della filiera degli integratori.

Pagina 13 di 16
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…